Senza cuore – II

Mi metti l’oro in bocca e poi mi sciupi
chiedi e domandi
ma non c’e’ tempo per il silenzio

La malinconia per la notte
torna a cercarmi riversa in un’altra forma
nell’essere di altri esseri,
noi la sappiamo
avida risorsa
il lusso per pochi
si raffredda e si secca
sulle ossa immemori
al calore della ginestra che con la mimosa quest’anno non e’ mai appassita

Adesso e’ primavera e il vento fischia freddo
la malinconia per la notte
l’ho chiusa piccola
sempre di più fino a che non fu
una feritoia
la punta di una spilla
sull’osso immemore
sull’orlo del sentire

 

 

©Richard Avedon, 1949

©Richard Avedon, 1949

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...