Forse essere donna

Andare.
Camminando il silenzio
scalza
attraverso sciami di bocche
che boicottano la strada
Con le ossa piegate
Mano nella mano
di un cristo di vetro
e gli occhi totali
puntati in alto
a ricucire le stelle.

Perdurare.
In solitudine.
In questa solitudine ostinata a non lasciarmi
con il piede leggìero
che batte un pavimento blu cobalto
e sotto la sua trasparenza
tutte le pupille del mondo
che inseguono il mio calcagno.

Tocco. Farmi toccare le meningi
da questa carezza d’accaio
o forse, magari:- anche:- ancora
dal moto rotondo di un rosario.
Questo rosario marcio
impigliato sul ginocchio smagliato
con tutto l’intorno
pieno
zuppo
di una televisione che piange
sul vomito di un nano
curvo sotto la mia finestra.

Stare. Semplicemente stare
come mi sta dentro il possesso di questo fiore
quando l’estate mi sporco
io
tutt’uno con la polvere
ed i piedi
in fine alla giornata
segnati da filatteri di rena nera.

Mi lascio.
Inondata
da un plenilunio
di biglie e d’opposti
in cui si risolve
l’essere del mio essere donna
Un morso
continuo
e fermo nella presa
che torturandomi
mi glorifica.

Jan Saudek - Deep devotion nr. 363/V

Jan Saudek – Deep devotion nr. 363/V

Annunci

Un pensiero su “Forse essere donna

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...